[W201] Il tergicristallo, questo "sconosciuto"

Moderatore: Staff

Bloccato
Avatar utente
ROSANGELO84
Benzer Junior
Benzer Junior
Messaggi: 51
Iscritto il: ven mar 20, 2015 5:47 pm
Auto guidata: Mercedes W111
Località: Sabbioneta (MN)

mar apr 07, 2015 1:44 pm

Dopo aver eseguito lo stacco come riportato da post dedicato, veniamo allo smontaggio.

Consiglio di servirsi di un piano in teflon o legno. Capiterà di dover capovolgere l'intero sistema e sarebbe un peccato graffiarlo
Immagine

Per prima cosa, ruotiamo il tergi fino a rilevare l'altezza più bassa dell'asta, rispetto al piano d'appoggio
Immagine

Ora, togliamo il carter in plastica che copre la brugola di attacco del braccio al pistone
Immagine

Tolto il carter in plastica, svitiamo la brugola che assicura il bullone al braccio meccanico
Immagine

Questi si disaccoppiano non solo separandoli, ma facendoli oscillare a destra e a sinistra
Immagine

Svitato il dado centrale con la rondella, si spinge fuori dal filetto (qui un po' rovinato) dal braccio di raccordo. Servitevi di un martello ed un tassello di legno interposto
Immagine

Con un cacciavite, rimuoviamo la mezzaluna che impedisce all'albero di rientrare
Immagine

Dopo la mezzaluna a SX, troveremo due spesori. Rimontarli possibilmente nello stesso ordine
Immagine

E' facile intuire il funzionamento: durante la rotazione, l'ingranaggio che scorre sulla cremagliera, spinge il pistone interno in alto e in basso!
Immagine

La cremagliera, montata sul corpo e non sul rotore, è fermata all'interno da due metalli incurvati e fermati esternamente da 3 viti ciascuna
Immagine

Notare dopo tanti anni: non c'è più un filo di grasso!!!
Immagine

Per prima cosa laviamo bene con una miscela di benzina/gasolio l'interno del rotore, in modo da eliminare i residui di grasso molto vecchio
Immagine

Poi lo si asciuga con aria compressa
Immagine

Ora rinnoviamo il grasso stendendolo su tutte le parti mobili e facciamo girare l'ingranaggio dietro per facilitarne la penetrazione
Immagine

Solo quando tutto sarà a posto, richiuderemo il rotore con 2 viti sulla piastra in metallo chiara ed una in basso, sulla copertura nera
Immagine

Ecco come si presenta l'alloggiamento della cremagliera del rotore. Lavarlo bene assieme alla cremagliera con solvente appropriato
Immagine

Appoggiamo la cremagliera in materiale plastico-gommoso in modo che la dentatura sia rivolta dalla parte più interna
Immagine

Ora si inseriscono i due fermi in metallo
Immagine

Scansando la guarnizione troveremo dei fori: in questi fori andranno le viti che innestandosi nel filetto dei fermi in metallo, assicurano la cremagliera al perimetro
Immagine

Inseriamo una PRIMA rondella di spessore
Immagine

Inseriamo la SECONDA rondella di spessore
Immagine

E per ultimo, un O-ring di guarnizione, magari nuovo e di pari misura
Immagine

Ingrassiamo la cremagliera
Immagine

Reinnestiamo il braccio sul pistone, avendo cura di rispettareil taglio previsto sull'incastro
Immagine

E lo inseriamo non fino in fondo!!! MA fino a quando il foro previsto per la brugola sia vuoto. (in modo da far entrare la brugola)
Immagine

Una volta reinnestata ed avvitata, si richiude la plastica di copertura
Immagine

Ora massima attenzione: Il rotore deve essere inserito come se si trovasse al centro del parabrezza. Occorrerà per tanto, far rientrare al massimo il pistone
Immagine

Una volta spinto dentro con delicatezza, occorre prima di tutto collocare l'O-ring in gomma
Immagine

Successivamente la PRIMA rondella di spessore
Immagine

Secondariamente la SECONDA rondella di spessore
Immagine

E per ultimo, il fermo a mezzaluna che impedisce al nostro rotore di saltar fuori mentre viene raccordato al braccio di trasmissione
Immagine

Ora che il meccanismo è pronto per essere chiuso con rondella e dado, è opportuno portare il braccio all'altezza iniziale che avevamo misurato all'inizio del lavoro
Immagine

Prima la rondella che fa da molla e tenendo fermo il braccio....
Immagine

Si avvita il dado da 17 ma...
Immagine

Nel caso in cui non aveste usato uno spessore tra martello e filetto ed il martello fosse scappato... il filetto va ripristinato!
Immagine

Con un lavoro di labor lime e santa pazienza, come ci insegna Ugo Zanini, maestro rettificatore, ripristiniamo le filettature e le passiamo poi con la filiera
Immagine

Ora il bullone può essere PRIMA avvitato a mano e successivamente stretto con la chiave
Immagine

Ponti per testare? Il negativo batteria con il corpo metallico del tergi
Immagine

Un morsetto (NERO) tra il corpo metallico del tergi ed il piedino illustrato in figura
Immagine

ED un morsetto (BIANCO) sul piedino illustrato in figura ed il positivo batteria. ATTENZIONE!!! LA ROTAZIONE POTREBBE CAUSARE FERITE ALLE MANI!
Immagine

Ed ecco il risultato:


Ops... e questo pezzettino dove va???
Immagine
Facebook: Angel Ross, Sabbioneta (MN)
Bloccato

Torna a “FAQ Varie”

  • Informazione