Da Sprinter 312 a Sprinter 316 CDI: qualche piccola impressione sul passaggio generazionale

T1N W901–W905, NCV W906, VS30 BR907/910

Moderatore: Staff

Rispondi
mein Stern
Benzer Neofita
Benzer Neofita
Messaggi: 9
Iscritto il: ven dic 07, 2018 10:27 am
Auto guidata: Mercedes Sprinter 316 CDI
Località: Torino

mar feb 12, 2019 10:40 am

Da qualche tempo, sono entrato in possesso di un mio nuovo compagno di lavoro: uno Sprinter 316 CDI "facelift" del 2014. Dopo aver valutato i pro ed i contro dell'acquisto di uno Sprinter a metano, ho poi definitivamente indirizzato la scelta su un mezzo diesel, per una questione di praticità e di affidabilità, spiegata nel dettaglio da più fonti possibili, esterne ed anche interne al mondo commerciale Mercedes.
Le differenze che saltano subito all'occhio ed alla sensazione sono chiaramente di tipo generazionale (in effetti, ci sono 16 anni di differenza dalla data di costruzione...).

I pro? Sembra di guidare un'automobile...
Rumorosità pressochè assente, assenza di fastidiosi rumorini tipo scricchiolii vari (già il 312 ne era abbastanza esente);
Intervalli di manutenzione impensabili solo fino a 20 anni fa: dipendentemente dall'uso, si può parlare di 60000 km;
Motorizzazione decisamente "sveglia" e scattante (se questo che è un 2.2 sovralimentato va così, non voglio immaginare di come possa andare un 3.0 V6);
Il wind assist e l'elettronica in genere che coadiuva la guida, facilitandola anche a conducenti meno avvezzi a guidare mezzi più alti di una normale automobile...

I Contro? A sensazione, "a tatto", sembra essere tutto molto più bello e tecnologico ma spaventosamente meno solido rispetto alla generazione precedente;
La cambiata di marcia (credo gestita da cavi bowden) è molto meno fluida e più soggetta ad impuntamenti rispetto al vecchio mezzo;
La quantità di elettronica presente sul mezzo che, a lungo andare, potrebbe diventare un handicap... secondo un vecchia "scuola di pensiero", meno roba c'è su una macchina e meno roba si può rompere;
La totale assenza del termometro acqua: come in molti mezzi di attuale generazione, è stato eliminato ma questa scelta (a mio avviso, sciagurata) potrebbe essere fatale sulla durata di un motore. A proposito, qualcuso da se è possibile ovviare a questo inconveniente, installando un termometro "aftermarket"?

Quanto ho appena scritto vogliono essere solo le mie impressioni soggettive e nulla di più, sia chiaro... ma è capitato anche a voi di avere sensazioni simili?
Avatar utente
dado_1984
Benzer TOP
Benzer TOP
Messaggi: 2507
Iscritto il: ven feb 24, 2012 7:57 am
Auto guidata: w 204 c 200k gpl nag5. ex w 208 clk 200k192 cv
Località: prov. TO

ven mag 24, 2019 10:42 pm

ciao.
posso solo risponderti per il termometro acqua...
anche a me piace vederlo ma comunque la centralina motore sa bene lo stato termico del motore e regola la potenza massima erogabile a freddo.
Anche sulle auto passare dal clk del 2000 alla c w205 sembra di passare ad un'astronave.
Sabato mi è capitato di provare una peugeot 205 rallye. Ha 30 anni ma sembra di essere tornati ai pionieri dell'auto
Rispondi

Torna a “Sprinter (1995 - Oggi)”

  • Informazione