60 anni di Mercedes-Benz 190 SL

190-SL_60-anni_002

Nel maggio 1955 iniziava la produzione in serie della 190 SL, un celebre modello che insieme alla ‘sorella maggiore’ (300 SL Ali di Gabbiano) diede il via alla tradizione delle straordinare Mercedes-Benz SL.

 

Una reinterpretazione di successo del concetto ‘Gran Turismo’.   Fin dal momento della sua presentazione avvenuta al Salone di Ginevra del 1955, la Mercedes 190 SL acquistò vasti consensi fra esperti del settore e opinione pubblica, mostrando con singolare sapienza quel felice connubio fra una nota di sportività e la massima ricerca di perfezione ed eleganza nell’impiego giornaliero, caratteristica esclusiva che si ritroverà poi in tutti i modelli SL e che culmina nell’attuale R 231. Oggi la 190 SL è una classica che conquista per la linea ancora attuale e fascinosa, acquistabile ad un prezzo interessante in virtù di una forte tendenza alla rivaluzazione.

 

 

Un sogno divenuto realtà.  Anticipata già nel 1954, divenne  per molti appassionati subito un sogno che prese forma in veste definitiva l’anno seguente, ovvero nel marzo 1955, in occasione della alla 25esima edizione del Salone di Ginevra, dove riscosse un successo senza pari. Il settimanale tedesco ‘Die Zeit’, ad esempio, descriveva la vettura in termini entusiastici: “Mercedes-Benz 190 SL, una vettura forte di linee irresistibilmente accattivanti”. Questa Roadster fu progettata su iniziativa dell’importatore ufficiale Mercedes-Benz per gli Stati Uniti, Maximilian Edwin Hoffman.

 

 

Carrozzeria ispirata alla 300SL ‘Ali di gabbiano’.  Karl Wilfert e Walter Häcker progettarono la carrozzeria ispirandosi alla supersportiva 300 SL (W 198), con però significative differenze a livello di telaio. Mentre la carrozzeria della Coupé Ali di gabbiano si basava su una complessa struttura spaceframe, per la 190 SL Cabrio era stato scelto il pianale accorciato del modello 180 Berlina (W 120) con scocca portante.  Il motore era il nuovo M 121, un 1.9 quattro cilindri 77 kW (105 CV) con albero a camme in testa. Nacque così la 190 SL, una biposto decappottabile dallo stile inconfondible, unito ad un confort senza compromessi.

 

 

Incarnazione della gioia di vivere.  Mercedes-Benz 190 SL si inserì perfettamente nell’atmosfera tipica degli ‘Swinging Fifties’, un’epoca caratterizzata da gioia di vivere, colori e spensieratezza. Questo modello divenne l’auto dei sogni degli anni Cinquanta, in un periodo in cui la ripresa economica iniziava a dare i primi frutti e si affermava sempre più l’idea di una mobilità individuale.

 

 Venduta soprattutto negli Stati Uniti.  Grazie ai suoi punti di forza, 190 SL divenne la bellissima ambasciatrice dei nuovi modelli Mercedes-Benz in tutto il mondo negli anni Cinquanta. Quasi l’80% dell’intera produzione di W 121 (in tutto furono realizzati 25.881 esemplari tra il 1955 ed il 1963) fu destinato all’esportazione. Il mercato più importante fu quello statunitense. Si calcola infatti che quasi il 40% dei modelli 190 SL fu proprio venduto negli USA.

 

Quotazioni in forte crescita.  Oggi questa leggenda automobilistica degli anni del miracolo economico è una delle classiche più quotate. Stando ai dati raccolti dall’Historic Automobile Group International (HAGI), il valore di 190 SL è aumentato di una media del 10% all’anno dal 1980, superando addirittura l’11% annuo dal 2004. Non stupisce dunque che la Roadster occupi una posizione di rilievo ai vertici del Mercedes-Benz Classic Index (MBCI), pubblicato dall’HAGI. Il favore dimostrato dai collezionisti di tutto il mondo conferma nuovamente come questo modello susciti ancora oggi lo stesso entusiasmo di 60 anni fa, quando fece il suo debutto nel 1955.