Mercedes-AMG GT S è la nuova Safety Car di Formula 1

Mercedes-AMG GT S als Official Safety Car der FIA Formel 1 Weltm

Al primo Gran Premio di F1 a Melbourne debutterà in pista come Safety Car la nuova Mercedes-AMG GT S, affiancata dalla Medical Car C 63 S nel compito di garantire la massima sicurezza in pista. 

 

F1 Safety Car 2015.  La nuova Mercedes-AMG GT S è pronta ad esordire nel ruolo di Safety Car della Formula 1 nella stagione 2015 che è alle porte, sostituendo la celebre SLS ad ali di gabbiano protagonista delle ultime cinque edizioni e proseguendo una partnership ventennale, destinata a durare ancora a lungo, fra la Casa con la Stella e la Formula 1 per la fornitura delle vetture di assistenza.  Lo scorso anno la SLS AMG Safety Car è entrata in pista in 10 delle 19 gare in Calendario, per un totale di 14 interventi durante i GP.

 

Mercedes-AMG GT S als Official Safety Car der FIA Formel 1 WeltmI requisiti necessari per poter essere la Safety Car di Formula 1.  La Federazione Internazionale dell’Automobile negli anni ha elaborato una serie di caratteristiche e normative secondo le quali il mezzo prescelto a questo scopo possa assolvere efficacemente il proprio incarico.  La Safety Car deve trovarsi sempre pronta ad entrare velocemente in pista per rimettere l’ordine fra le monoposto di F1 ogni qualvolta le condizioni meteorologiche diventino troppo avverse o per favorire gli interventi di soccorso in seguito a incidenti. Nel far questo deve mantenere comunque sempre un’andatura sufficientemente elevata, in modo tale da non far girare le monoposto della massima categoria ad una velocità troppo bassa in cui le gomme e i freni si raffredderebbero troppo, mentre i motori non avrebbero sufficiente areazione.  Inoltre dovrà essere garantito sempre un perfetto contatto radio con la Direzione Gara (fattore di vitale importanza), tenendo sotto controllo tutte le vetture da corsa.

 

Una meccanica quasi stradale.  Nonostante ciò,  la configurazione in gara della Safety Car Mercedes-AMG GT S è molto vicina alla normale versione stradale, che garantisce all’origine prestazioni elevate unite a grande affidabilità e sicurezza.  Il motore V8 biturbo da 4,0 litri, con i suoi 510 CV, non ha richiesto elaborazioni, garantendo già di per sé stesso elevate prestazioni: 0-100 km / h in 3,8 secondi e 310 km / h di velocità massima.  L’unica modifica di rilievo è nello scarico, che non dovendo rispondere alle norme di omologazione stradale, permette di far apprezzare maggiormente il sound del V8, diventando ancora più suggestivo per i fan sugli spalti. Il cambio Speedshift DCT 7 corrisponde invece al 100 % a quello prodotto nella versione stradale, così come l’assetto, dotato del pacchetto Dynamic Plus, che fa parte degli accessori a richiesta della GT S, e consente un ulteriore aumento della dinamica di guida. Anche l’impianto frenante in carbon-ceramica, i cerchi e gli pneumatici usati sono fra quelli disponibili a listino.

 

Mercedes-AMG GT S als Official Safety Car der FIA Formel 1 Weltm

 

Le dotazioni speciali.  Ovviamente il dettaglio di maggior risalto è la barra di luci a led posizionata sul tetto, sagomata in modo accurato per ridurre la resistenza aerodinamica. Su di essa è integrata anche una telecamera, dello stesso tipo di quelle presenti sulle monoposto. Una seconda telecamera si trova invece sul vano portaoggetti dietro i sedili, i quali sono diversi rispetto alla versione stradale e presentano attacchi per le cinture a sei punti.  Altre dotazioni esclusive sono rappresentate da un sofisticato sistema di comunicazione radio con la Direzione di Gara, un GPS ad alta risoluzione, la telemetria, e due iPad collegati in WLAN inseriti nel cruscotto che permettono di visualizzare le immagini della corsa assieme a molti altri dati riguardanti le monoposto in gara.  Il Marshalling System è un congegno che consente di tenere sotto controllo il colore della bandiera sventolata in quel tratto specifico.  Infine è da menzionare anche la “Medical Warning Light” che, lampeggiando più volte, avverte l’equipaggio nel caso si verifichi durante la corsa un incidente con una decelerazione oltre la soglia critica, in modo da tenersi pronti ad per una possibile imminente richiesta di intervento da parte della Direzione Gara.

 

Bernd Mayländer, seit 2000 Fahrer des Official Safety Car der FAffidata a mani esperte.  La F1 Safety Car ufficiale sarà pilotata anche quest’anno dal tedesco Bernd Mayländer affiancato dal collaboratore FIA britannico Pete Tibbetts.  Bernd Mayländer, ex pilota DTM, 43 anni, è driver ufficiale della Safety Car dal 2000. Queste le sue osservazioni: “La ala di gabbiano SLS AMG è stata la mia vettura ufficiale per cinque anni. Adesso sono in attesa della nuova Mercedes-AMG GT S, che ho avuto la fortuna di conoscere già durante la sua fase di sviluppo e mi ha conquistato subito per le sue prestazioni in pista di alto livello.”  Quando il calendario di Formula 1 lo consente, Mayländer, lavora anche come istruttore per l’AMG Driving Academy e partecipa agli eventi speciali in qualità di ambasciatore del marchio.

 

Non solo Safety Car.  Mercedes-AMG non è solo il fornitore ufficiale della Safety Car, ma anche della meno appariscente e altrettanto importante Medical Car, che in occasione del prossimo Gran Premio a Melbourne si rinnoverà anch’essa portando al debutto il modello Mercedes-AMG C 63 S station wagon.  Anche questa vettura è molto simile a quella stradale, forte del fatto che sotto il cofano tuona lo stesso poderoso V8 della GT S, capace di far raggiungere al mezzo di soccorso prestazioni tali da garantire che non si perda tempo in caso di emergenza.  All’interno della station wagon ci sono quattro sedili sportivi a guscio con cinture a 6 punti di attacco e un capiente bagagliaio nel quale sono riposte le attrezzature mediche.  Dal 2009 la guida della Medical Car è affidata al pilota sudafricano Alan van der Merwe, mentre il posto da copilota è occupato dal responsabile medico della Formula 1, il Dr Ian Roberts, britannico, al terzo anno con questo incarico,  specialista di soccorsi in elicottero, terapia intensiva e anestesia, con una grande esperienza nel mondo delle corse essendo stato anche a capo del Centro Medico del circuito inglese di Silverstone. I sedili posteriori sono invece riservati a uno o due medici assistenti, provenienti da un ospedale specializzato selezionato, situato vicino al circuito di gara.  Analogamente alla Safety Car, la Medical Car è anche dotata di una barra a LED sul tetto e di tutta la stessa sofisticata strumentazione per comunicare con la Direzione Gara.

 

Mercedes-AMG C 63 S T-Modell als Official Medical Car und Merced

 

 

Tutte le Safety Car Mercedes-AMG del Camponato del mondo di F1:

1996 C 36 AMG (W 202)

dal 1997: CLK 55 AMG (C 208)

2000: CL 55 AMG (C 215)

dal 2001: SL 55 AMG (R 230)

2003: CLK 55 AMG (C 209)

dal 2004: SL 55 AMG (R 171)

dal 2006: CLK 63 AMG (C 209)

dal 2008: SL 63 AMG (R 230)

dal 2010: SLS AMG (C 197)

dal 2012 (Belgio): SLS AMG GT (C 197)

dal 2015: Mercedes-AMG GT S (C 190)

 

Tutte le Merdical Car Mercedes-AMG del Camponato del mondo di F1:

1996 C 36 AMG (W 202)

1997 C 36 AMG (W 202); E 60 AMG (W 210)

dal 1998: C 55 AMG station-wagon (S 202)

dal 2001: C 32 AMG station-wagon (S 203)

dal 2004: C 55 AMG station-wagon (S 203)

dal 2008: C 63 AMG station-wagon (S 204)

dal 2015: Mercedes-AMG C 63 S station-wagon (S 205)