25 anni di Mercedes-Benz 190 E 2.5-16 Evolution II

Mercedes-Benz-190-E-2.5-16-Evolution-II-W-201

Mercedes-Benz 190 E 2.5-16 Evolution II è la più sportiva versione della ‘Baby Benz’ 190. Caratterizzata da prestazioni di rilievo e dal vistoso e celebre body-kit, ha lasciato un segno indelebile nella memoria degli appassionati del motorsport.

 

Compatta, potente e super-muscolosa.  Con quelle caratteristiche spiccatamente sportive e quell’aspetto un po’ insolito, ma tremendamente efficace ed accattivante, la seconda serie Evolution della 190 E 2.5-16, ha raccolto fin da subito ampi consensi fra appassionati ed esperti del settore.  Anche la pista è una conferma del successo di questa vettura: con la ‘Evo II’ Mercedes-Benz ha conquistato infatti i primi tre posti nel campionato DTM nella stagione 1992.  Oggi è un classico senza tempo e una rarità in virtù della limitata produzione in soli 502 esemplari.  Divenuta vera icona delle berline sportive, è l’auto da corsa ufficiale con cui Mercedes-Benz Classic partecipa alle competizioni dedicate alle vetture d’epoca.

 

Mercedes-Benz-190-E-2.5-16-Evolution-II-W 201_00003
Sviluppata per le competizioni nel gruppo A.  La 190 E 2.5-16 Evolution II è una vettura progettata in funzione dell’utilizzo nel Campionato Tedesco Turismo (DTM).  Il motore oversquare 2.5,  ulteriore evoluzione rispetto a quello montato sulla Evolution dell’anno precedente, eroga 235 cv, che spingono la vettura ad una velocità massima di 250 km/h, con una accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,1 secondi. La carrozzeria si fa notare per alcuni importanti interventi da cui ne consegue una estetica memorabile e una aerodinamica eccellente per l’epoca, con un CX di 0.29, associato ad un carico verticale ancora migliore rispetto alla Evolution dell’anno precendente.

 
Ayrton-Senna-vince-su-Mercedes-190-E-2.5-16-Evolution-II-W 201Una storia di successi inaugurata da Ayrton Senna.  La Mercedes-Benz 190 E 2.5-16 Evolution II costituisce lo sviluppo più estremo di un progetto sportivo iniziato con la 190 E 2.3-16, la cui prima vittoria risale al 1984, ad opera di un pilota brasiliano all’epoca ancora sconosciuto. Durante l’inaugurazione del nuovo Nürburgring, in una pista bagnata, suo terreno ideale, un giovanissimo Ayrton Senna portò alla vittoria la Mercedes 190 E 2.3-16, in una gara in cui parteciparono campioni blasonati, come Niki Lauda, Graham Hill, Alain Prost, James Hunt, Alan Jones, Stirling Moss e tanti altri piloti affermati del Motorsport. Successivamente, lo sviluppo dei modelli 190 E 2.5-16 Evolution (1989) e della 190 E 2.5-16 Evolution II (1990) raggiunse il culmine nel 1992, quando Ludwig vinse il Campionato DTM davanti a Kurt Thiim e Bernd Schneider: tutti e tre alla guida di una 190 E 2.5-16 Evolution II.

 

Flugplatzrennen Wunstorf (1. + 2. Lauf), 1991

 

Antesignana della attuale Mercedes-AMG C 63 S serie 205.  Il fascino immutato nel tempo di questa vettura deriva anche dal fatto che la 190 E 2.5-16 Evolution II è stata una delle prime grandi protagoniste della berline sportive della Stella in una storia che è proseguita fino ai giorni nostri.  25 anni fa è stata inauguarata una tradizione di vetture ad alte prestazioni successivamente progredita con la collaborazione con AMG, che trova oggi la sua naturale erede nell’attuale Mercedes-AMG Classe C 63 S serie 205.